IL COMPLOTTO CONTRO LA DIVINITÀ DI GESÙ - I VERSI OMESSI O MODIFICATI

18.09.2017

Le Bibbie non sono tutte uguali.
Dal confronto che segue scopriremo che le traduzioni più recenti sono state modificate e non rispecchiano la vera parola di Dio. Questo vale anche per altre lingue come l'inglese, il tedesco ed il francese (e sicuramente molte altre).
In italiano, la traduzione più fedele ed autentica rispetto al "Textus Receptus" in Greco copto è quella ad opera di Giovanni Diodati del 1607 (in inglese è la King James Version).
Fino al 19esimo secolo il Textus Receptus era considerato il più autorevole, senonché la scienza moderna cambiò le carte in tavola e dichiarò che si trattasse della peggior versione del Nuovo Testamento. Il Textus Receptus era la base per i cristiani che nei primi secoli dopo Cristo, rigettavano i manoscritti della chiesa di Alessandria basata su versioni corrotte di Origene Adamanzio ed altre revisioni gnostiche.
Ma chi era Origene? Origene era un occultista, e come vedremo in seguito, per gli occultisti la Bibbia va interpretata e solo gli "iniziati" ne conoscono il vero significato.

"Origene sostenne che l'intera Bibbia è scritta affinché abbia un significato per le masse, ed uno diverso per gli studenti dell'occulto."
Corrine Heline, New Age Bible Interpretation, pag. 32

Ma è proprio la Bibbia stessa a smentire la teoria del significato occulto proposta da Origene, e da tutti gli "illuminati":

"Io non ho parlato di nascosto, nè in luogo tenebroso della terra"
Isaia 45:19

"Avvicinatevi a me, ascoltate questo: Fin dal principio non ho parlato in segreto; quando questi fatti avvenivano, io ero là."
Isaia 48:16

"Poiché non c'è nulla di nascosto che non debba essere rivelato e nulla di segreto che non debba essere conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre, ditelo nella luce; e ciò che udite dettovi all'orecchio, predicatelo sui tetti."
Matteo 10:26-27

"Poiché non vi è nulla di nascosto che non sarà manifestato, né di segreto che non debba essere conosciuto e portato alla luce."
Luca 8:17

Come vedremo in seguito, possiamo evidenziare che esiste una dottrina occulta
apparentemente cristiana, che occultamente professa una fede diversa da quella biblica letterale.
Leggiamo cosa sosteneva Origene riguardo a Gesù:

"Origene Adamanzio sosteneva che Gesù fosse una creatura, ed in quanto tale non aveva l'esistenza eterna di Dio."
Enciclopedia Britannica Vol. 16, edizione 1936, pag. 902

Gesù, quindi sarebbe stato mandato dal Creatore, ma non è il figlio di Dio incarnatosi uomo. Origene quindi NEGA la divinità di Gesù, e non lo riconosce come l'incarnazione di Dio sulla terra come scritto nella Bibbia:

"E ogni spirito che non riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, non è da Dio; e questo è lo spirito dell'anticristo che, come avete udito, deve venire; e ora è già nel mondo."
1 Giovanni 4:3

Vediamo un altro passaggio di interpretazione occulta da parte di Origene:

"Nella caduta di Adamo non dobbiamo vedere una trasgressione personale dell'uomo... Filone d'Alessandria rappresenta la storia come simbolica, e Origene la tratta come un'allegoria."
Isis Unveiled, H.P. Blavatsky Vol. 2 Page 277,546

Ma anche qui la Bibbia stessa lo smentisce:

"Infatti, se per la trasgressione di quell'uno solo la morte ha regnato a causa di quell'uno, molto di piú coloro che ricevono l'abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo di quell'uno, che è Gesú Cristo. Per cui, come per una sola trasgressione la condanna si è estesa a tutti gli uomini, cosí pure con un solo atto di giustizia la grazia si è estesa a tutti gli uomini in giustificazione di vita."
Romani 5:17-18

La storia di Adamo ed Eva non è un'allegoria. Dio aveva dato ad Adamo ed Eva il dominio sulla terra (Genesi 1:28), ponendo come unica condizione di rispettare Dio ed il suo trono, ubbidendo ad un'unica regola che gli avrebbe preservati dal male:

"E l'Eterno DIO comandò l'uomo dicendo: «Mangia pure liberamente di ogni albero del giardino; ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare, perché nel giorno che tu ne mangerai, per certo morrai»."
Genesi 2:16-17

Il divieto quindi era quello di "mangiare dall'albero della conoscenza di Dio", il che significava non rispettare il trono di Dio e volersi sostituire a Lui, come promesso da Satana, il serpente che, con l'inganno prese il dominio sull'uomo e sul mondo da quel momento fino ai giorni nostri.

Le due dottrine occulte sopraccitate sono molto condivise al giorno d'oggi, ovvero:
- che Gesù non era Dio ma che era solo stato mandato da Lui
- che il racconto di Adamo ed Eva va letta come un'allegoria
Modifiche in apparenza marginali, ma che cambiano completamente il significato della Bibbia e soprattutto, abbassano sistematicamente la figura di Gesù Cristo ad un livello di inferiorità rispetto a Dio. E tutto questo è in netto contrasto con quello che sostiene la Bibbia, basta leggere i seguenti versetti per capirlo: Giovanni 10:30-33; Giovanni 8:58-59; Giovanni 20:27-29; Matteo 28:16-17; Colossesi 1:15-16; Colossesi 2:29; Tito 2:13-14; e Apocalisse 5:13-14.

Nonostante la Diodati sia la Bibbia più fedele agli originali in greco copto, le bibbie
più diffuse al giorno d'oggi sono la CEI per i cattolici e la Riveduta per i protestanti.

Dal semplice confronto della Bibbia Diodati (1607) con la CEI e la Riveduta, possiamo notare che le versioni recenti, hanno modificato ed omesso alcuni passaggi CRUCIALI che riguardano la divinità di Gesù, andando ad attaccare proprio la divinità di Gesù, che Origene e la dottrina occulta gnostica volevano combattere.

Sarà una coincidenza? Io non credo proprio...


In 1 Giovanni 4:3 (già citato in precedenza) leggiamo:

DIODATI: "E ogni spirito che non riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, non è da Dio; e questo è lo spirito dell'anticristo che, come avete udito, deve venire; e ora è già nel mondo."

CEI: "ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell'anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo."

RIVEDUTA: "e ogni spirito che non confessa Gesù, non è da Dio, e quello è lo spirito
dell'anticristo, del quale avete udito che deve venire; ed ora è già nel mondo."

RIFLESSIONE:
Riconoscere Gesù o riconoscere che Egli è venuto nella carne, sono due cose completamente diverse. Se Gesù è venuto nella carne significa che ha patito la sofferenza terrena e che il suo calvario era reale. Ciò significa che il suo sacrificio per darci la salvezza è stato un gesto di amore immenso nei nostri confronti. Se invece si riconosce "solo" Gesù senza specificare che sia venuto nella carne, si può intendere che Gesù sia una sorta di entità spirituale più vicino al cristo cosmico predicato dall'occultismo gnostico e dalla new age, piuttosto che un uomo in
carne ed ossa.

---
Giovanni 6:47:

DIODATI: "In verità, in verità vi dico: Chi crede in me ha vita eterna."

CEI: "In verità, in verità vi dico: chi crede ha la vita eterna."

RIVEDUTA: "In verità, in verità io vi dico: Chi crede ha vita eterna."

DOMANDA:
In chi bisogna credere? In Gesù oppure bisogna credere in generale?
"Chi crede ha vita eterna" potrebbe significare che dobbiamo credere nella religione, oppure credere nel papa, credere agli alieni, credere al diavolo, etc...
Qual è quindi lo scopo di togliere il riferimento "a me" espresso da Gesù, stravolgendo il significato del messaggio?
E se consideriamo che questo verso non riporta una narrazione ma una citazione diretta di Gesù: non vi sembra un po' scorretto cambiare le sue parole di bocca?

---
Atti 8:36-37:


DIODATI: "36 E, mentre andavano al lor cammino, giunsero ad una cert'acqua. E l'eunuco disse: Ecco dell'acqua, che impedisce che io non sia battezzato? 37 E Filippo disse: Se tu credi con tutto il cuore, egli è lecito. Ed egli, rispondendo, disse: Io credo che Gesù Cristo è il Figliuol di Dio."

CEI: "36 Proseguendo lungo la strada, giunsero a un luogo dove c'era acqua e l'eunuco disse: «Ecco qui c'è acqua; che cosa mi impedisce di essere battezzato?»." 37 MANCANTE

RIVEDUTA: "36 E cammin facendo, giunsero a una cert'acqua. E l'eunuco disse: Ecco dell'acqua; che impedisce che io sia battezzato?" 37 MANCANTE

DOMANDA:
Perché cancellare un verso così significativo?

---
Romani 1:3:

DIODATI: "intorno al suo Figliuolo, Gesù Cristo, nostro Signore"

CEI: "riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide"

RIVEDUTA: "e che concerne il suo Figliuolo"

DOMANDA:
Perché togliere il nome del figlio di Dio?

---
Ebrei 2:7-9

DIODATI: "Tu lo hai fatto per un po' di tempo inferiore agli angeli, tu lo hai coronato di gloria e di onore e lo hai costituito sopra le opere delle tue mani; tu gli hai posto tutte le cose sotto i piedi. Infatti, nel sottoporgli tutte le cose, non ha lasciato nulla che non gli fosse sottoposto. Tuttavia al presente non vediamo ancora che tutte le cose gli sono sottoposte, ma vediamo coronato di gloria e
d'onore per la morte che sofferse, Gesù, che è stato fatto per un po' di tempo inferiore agli angeli, affinché per la grazia di Dio gustasse la morte per tutti."

CEI: "Tu lo hai fatto di poco inferiore agli angeli; lo hai coronato di gloria e d'onore; tu hai posto ogni cosa sotto i suoi piedi. Avendogli sottoposto tutte le cose, Dio non ha lasciato nulla che non gli sia soggetto. Al presente però non vediamo ancora che tutte le cose gli siano sottoposte; però vediamo colui che è stato fatto di poco inferiore agli angeli, cioè Gesù, coronato di gloria e di onore a motivo della morte che ha sofferto, affinché, per la grazia di Dio, gustasse la morte per tutti."

RIVEDUTA: "Tu l'hai fatto di poco inferiore agli angeli; l'hai coronato di gloria e d'onore; tu gli hai posto ogni cosa sotto i piedi. Col sottoporgli tutte le cose, Egli non ha lasciato nulla che non gli sia sottoposto. Ma al presente non vediamo ancora che tutte le cose gli siano sottoposte; ben vediamo però colui che è stato fatto di poco inferiore agli angeli, cioè Gesù, coronato di gloria e d'onore a motivo della morte che ha patita, onde, per la grazia di Dio, gustasse la morte per tutti."

RIFLESSIONE:
La Diodati spiega che Gesù è stato fatto "per poco tempo" inferiore agli angeli, ovvero si sta alludendo alla vita terrena di Gesù, durante la quale era inferiore agli angeli in quanto umano. Le altre versioni invece cambiano il significato e sostengono che Gesù è stato fatto "di poco" inferiore agli angeli, il che è falso perché Gesù è superiore agli angeli.

---
Galati 4:7:

DIODATI: "Perciò tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede di Dio per mezzo di Cristo."

CEI: "Quindi non sei più schiavo, ma figlio; e se figlio, sei anche erede per volontà di Dio."

RIVEDUTA: "Talché tu non sei più servo, ma figliuolo; e se sei figliuolo, sei anche erede per grazia di Dio."

RIFLESSIONE:
La versione Diodati sostiene che per essere figli ed eredi di Dio dobbiamo avere Cristo. Nelle altre versioni Gesù Cristo non è necessario.

---
1 Corinzi 15:45-47:

DIODATI: "Così sta anche scritto: «Il primo uomo, Adamo, divenne anima vivente»; ma l'ultimo Adamo è Spirito che dà la vita. Ma lo spirituale non è prima, bensì prima è il naturale, poi lo spirituale. Il primo uomo, tratto dalla terra, è terrestre; il secondo uomo, che è il Signore, è dal cielo."

CEI: "il primo uomo, Adamo, divenne un essere vivente, ma l'ultimo Adamo divenne spirito datore di vita. Non vi fu prima il corpo spirituale, ma quello animale, e poi lo spirituale. Il primo uomo tratto dalla terra è di terra, il secondo uomo viene dal cielo."

RIVEDUTA: "Così anche sta scritto: Il primo uomo, Adamo, fu fatto anima vivente; l'ultimo Adamo è spirito vivificante. Però, ciò che è spirituale non vien prima; ma prima, ciò che è naturale; poi vien ciò che è spirituale. Il primo uomo, tratto dalla terra, è terreno; il secondo uomo è dal cielo."

DOMANDA:

Come mai togliere la precisazione che "il secondo uomo", è il Signore Gesù Cristo? Secondo le traduzioni moderne "il secondo uomo" pur essendo inviato dal cielo, non è il Signore. Per quale ragione in queste traduzioni si scredita il secondo uomo? Non si tratta di una mancanza di poco conto.

---
Giovanni 3:13:

DIODATI: "Or nessuno è salito in cielo, se non colui che è disceso dal cielo, cioè il Figlio dell'uomo che è nel cielo."

CEI: "Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell'uomo che è disceso dal cielo."

NUOVA RIVEDUTA: "Nessuno è salito in cielo, se non colui che è disceso dal cielo: il Figlio dell'uomo."

DOMANDA:
Dov'è ora "il Figlio dell'uomo"? Perché nelle traduzioni moderne si nega al "Figlio dell'uomo" il suo legittimo posto in cielo?

---
Atti 9:6:

DIODATI: "Allora egli, tutto tremante e spaventato, disse: «Signore, che vuoi ch'io faccia?». E il Signore gli disse: «Alzati ed entra nella città, e ti sarà detto ciò che devi fare»."

CEI: "Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare."

RIVEDUTA: "ma lèvati, entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare."

DOMANDA:
Perché cancellare la domanda di Paolo che si era rivolto a Gesù chiamandolo Signore, e perché rimuovere il riferimento anche nella risposta?

---
Matteo 6:13:

DIODATI: "E non esporci alla tentazione, ma liberaci dal maligno, perché tuo è il regno e la potenza e la gloria in eterno. Amen."

CEI: "e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male."

RIVEDUTA: "e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno."

DOMANDA:
Perché togliere a Dio riferimenti al suo regno, alla sua potenza ed alla sua gloria in eterno?

---
Atti 2:30:

DIODATI: "Fratelli, si può ben liberamente dire intorno al patriarca Davide che egli morì e fu sepolto; e il suo sepolcro si trova tra di noi fino al giorno d'oggi. Egli dunque, essendo profeta, sapeva che Dio gli aveva con giuramento promesso che dal frutto dei suoi lombi, secondo la carne, avrebbe suscitato il Cristo per farlo sedere sul suo trono;"

CEI: "Fratelli, mi sia lecito dirvi francamente, riguardo al patriarca Davide, che egli morì e fu sepolto e la sua tomba è ancora oggi fra noi. Poiché però era profeta e sapeva che Dio gli aveva giurato solennemente di far sedere sul suo trono un suo discendente,"

RIVEDUTA: "Uomini fratelli, ben può liberamente dirvisi intorno al patriarca Davide, ch'egli morì e fu sepolto; e la sua tomba è ancora al dì d'oggi fra noi. Egli dunque, essendo profeta e sapendo che Dio gli avea con giuramento promesso che sul suo trono avrebbe fatto sedere uno dei suoi discendenti,"

RIFLESSIONE:
Nella versione Diodati viene chiarito che il legittimo discendente di Davide è Gesù e che a lui solamente spetta il trono. Nelle altre versioni il riferimento a Cristo è mancante. Perché?

---
Romani 8:1:

DIODATI: "Ora dunque non vi è alcuna condanna per coloro che sono in Cristo Gesù, i quali non camminano secondo la carne ma secondo lo Spirito"

CEI: MANCANTE

RIVEDUTA: "Non v'è dunque ora alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù;"

RIFLESSIONE:
Chi crede in Gesù Cristo, cammina secondo lo "spirito" (puro) e non secondo la "carne" (peccaminosa), e non avranno nessuna condanna perché sono salvati per grazia da Cristo. Nella versione CEI cattolica questo non viene menzionato perché secondo le dottrine cattoliche non è Gesù Cristo a salvare le anime, ma la "madre chiesa" (si veda art 114 del concilio di Trento, e Lumen gentium del concilio Vaticano II, ed altre catechesi di papi come Pio X e papa Ratzinger, https://it.wikipedia.org/wiki/Extra_Ecclesiam_nulla_salus)
Nella versione protestante, pur lasciando intatta la prima parte, si rimuove il riferimento alla condotta necessaria per essere dalla parte di Cristo, cioé che solo se si cammina nello "spirito" si riesce davvero a seguire Gesù.

---
Romani 14:10:

DIODATI: "Ora tu, perché giudichi il tuo fratello? O perché disprezzi il tuo fratello? Poiché tutti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo."

CEI: "Ma tu, perché giudichi il tuo fratello? E anche tu, perché disprezzi il tuo fratello? Tutti infatti ci presenteremo al tribunale di Dio,"

RIVEDUTA: "Ma tu, perché giudichi il tuo fratello? E anche tu perché disprezzi il tuo fratello? Poiché tutti compariremo davanti al tribunale di Dio;"

DOMANDA:
Perché togliere (ancora) Gesù Cristo dal suo trono e dalla sua posizione di autorità?
Questo ha senso solo se si vuole negare che Gesù sia Dio.

---
1 Giovanni 5:7:

DIODATI: "Poiché tre sono quelli che rendono testimonianza nel cielo: il Padre, la Parola e lo Spirito Santo; e questi tre sono uno. Tre ancora sono quelli che rendono testimonianza sulla terra: lo Spirito, l'acqua e il sangue; e questi tre sono d'accordo come uno."

CEI: "Poiché tre sono quelli che rendono testimonianza: lo Spirito, l'acqua e il sangue, e questi tre sono concordi."

RIVEDUTA: "Poiché tre son quelli che rendon testimonianza: lo Spirito, l'acqua ed il sangue, e i tre sono concordi."

RIFLESSIONE:
Il significato di questi versi cambia completamente. Nelle versioni CEI e RIVEDUTA la testimonianza del cielo è stata annullata (cancellata). Perché? Questa scrittura nella Diodati conferma che Gesù è al 100% Dio, attraverso una semplice deduzione logica in rapporto a 1 Giovanni 1:1,14: "Nel principio era la Parola, la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. E la Parola è diventata carne e ha abitato per un tempo fra di noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre."
Come mai cambiare questo verso in maniera così drastica se non per negare l'autorità di Gesù Cristo?

---
1 Timoteo 3:16:

DIODATI: "E, senza alcun dubbio, grande è il mistero della pietà: Dio è stato manifestato in carne, è stato giustificato nello Spirito, è apparso agli angeli, è stato predicato tra i gentili, è stato creduto nel mondo, è stato elevato in gloria."

CEI: "Dobbiamo confessare che grande è il mistero della pietà: Egli si manifestò nella carne, fu giustificato nello Spirito, apparve agli angeli, fu annunziato ai pagani, fu creduto nel mondo, fu assunto nella gloria."

RIVEDUTA: "E, senza contraddizione, grande è il mistero della pietà: Colui che è stato manifestato in carne, è stato giustificato nello spirito, è apparso agli angeli, è stato predicato fra i Gentili, è stato creduto nel mondo, è stato elevato in gloria."

DOMANDA:
Chi si è manifestato nella carne? Dio o "Egli"? Il pronome personale "Egli" si riferisce certamente a Gesù, ma scritto in questo modo non viene precisato che Gesù è Dio.

---
Marco 15:3:

DIODATI: "E i capi dei sacerdoti lo accusavano di molte cose; ma egli non rispondeva nulla."

CEI: "I sommi sacerdoti frattanto gli muovevano molte accuse."

RIVEDUTA: "I capi dei sacerdoti lo accusavano di molte cose;"

DOMANDA:
Perché viene omessa la parte dove si specifica che Gesù non rispondeva nulla?
Forse perché si tratta dell'adempimento della profezia di Isaia 53:7 scritta con diversi secoli di anticipo: "Maltrattato e umiliato, non aperse bocca. Come un agnello condotto al macello, come pecora muta davanti ai suoi tosatori non aperse bocca."?

---
Atti 24:6-8:

DIODATI: "Egli ha perfino tentato di profanare il tempio; per questo noi l'abbiamo preso e lo volevamo giudicare secondo la nostra legge. Ma, sopraggiungendo il tribuno Lisia, lo ha tolto a forza dalle nostre mani, ordinando ai suoi accusatori di venire da te; esaminandolo, potrai tu stesso sapere da lui la verità su tutte le cose di cui l'accusiamo."

CEI: "Ha perfino tentato di profanare il tempio e noi l'abbiamo arrestato. Interrogandolo personalmente, potrai renderti conto da lui di tutte queste cose delle quali lo accusiamo."

RIVEDUTA: "Egli ha perfino tentato di profanare il tempio; onde noi l'abbiamo preso; e da lui, esaminandolo, potrai tu stesso aver piena conoscenza di tutte le cose, delle quali noi l'accusiamo."

RIFLESSIONE:
Nella versione Diodati, i farisei volevano giudicarlo "secondo la loro legge", in altre parole volevano ucciderlo, perché questo era ciò che spettava a chi profanava il tempio! Senonché sopraggiunse il tribuno Lisia che li bloccò, prendendo Gesù e ordinando agli accusatori di andare da Ponzio Pilato per averlo in giudizio.
Nelle altre versioni invece i farisei l'hanno semplicemente arrestato Gesù portandolo loro stessi al cospetto di Ponzio Pilato per averlo in giudizio.

---
Giovanni 16:16:

DIODATI: "Fra poco non mi vedrete più; e un altro poco e mi vedrete, perché me ne vado al Padre."

CEI: "Ancora un poco e non mi vedrete; un po' ancora e mi vedrete."

NUOVA RIVEDUTA: "Tra poco non mi vedrete più; e tra un altro poco mi vedrete."

DOMANDA:
Perché togliere Gesù dalla sua legittima posizione?
In questo passaggio le traduzioni moderne sono ridicole e senza senso, forse Gesù stava giocando a nascondino? Solo se si specifica "che va al Padre", la frase acquista un senso compiuto dove si capisce che Egli va in cielo per poi tornare alla seconda venuta.

---
Apocalisse 5:14:

DIODATI: "E i quattro esseri viventi dicevano: «Amen!». E i ventiquattro anziani si prostrarono ed adorarono colui che vive nei secoli dei secoli."

CEI: "E i quattro esseri viventi dicevano: «Amen». E i vegliardi si prostrarono in adorazione."

RIVEDUTA: "E le quattro creature viventi dicevano: Amen! E gli anziani si prostrarono e adorarono."

DOMANDA:
Chi adoravano? Perché togliere questo importante riferimento a Dio? Considerando che "solo a lui si deve il culto" (Matteo 4:10) perché cambiare il significato del verso, rendendo l'adorazione generica e non specifica a Dio?


Ora vediamo un elenco di versi tratti dalla Bibbia Diodati che sono stati cancellati nelle versioni CEI e Riveduta. Precisando che nella versione CEI, a dipendenza dell'edizione consultata, alcuni versi possono essere comunque presenti.

Matteo 18:11:
"Poiché il Figlio dell'uomo è venuto per salvare ciò che era perduto."
Gesù il Salvatore delle anime perdute?
Cancellato, perché dimostra che Egli è l'unica salvezza.

Romani 16:24:
"La grazia del Signor nostro Gesù Cristo sia con tutti voi. Amen."
Gesù Cristo il nostro Signore?
Cancellato, perché... non vedo altro motivo se non quello di sminuire Gesù.

Matteo 23:14:
"Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Perché divorate le case delle vedove e per pretesto fate lunghe preghiere; per questo subirete una condanna più severa."
Gesù che accusa i religiosi di essere ipocriti?
Cancellato, perché mette a nudo la falsità religiosa di molte chiese.

Marco 11:26:
"Ma se voi non perdonate, neanche il Padre vostro, che è nei cieli, perdonerà i vostri peccati."
L'importanza del perdono al prossimo?
Cancellato.

Marco 15:28:
"Così si adempì la Scrittura che dice: «Egli è stato annoverato fra i malfattori»."
L'adempimento della profezia di Isaia 53:12 che mostra che Gesù è il Messìa?
Cancellato, perché... non vedo altro motivo se non quello di sminuire Gesù.

Luca 17:36:
"Due uomini saranno nei campi; l'uno sarà preso e l'altro lasciato."
La divisione spirituale del mondo negli ultimi tempi?
Cancellata, perché contraria al progetto ecumenico dell'unica religione mondiale, che vuole unire tutti i popoli sotto la stessa madre chiesa.